IL CILE | LE CITTÀ PRINCIPALI DEL CILE | L'ISOLA DI PASQUA | IL PARCO NAZIONALE TORRES DEL PAINE | Contattaci | Links

L'isola di Pasqua

Navigare Facile

Rapa Nui

Difficile quando si parla del Cile non fare riferimento all'isola di Pasqua.

Rapa Nui, secondo la lingua del luogo, è un fazzoletto di terra in mezzo all'Oceano Pacifico Meridionale, è una delle isole abitate, sono circa 2000 gli abitanti,  più isolate del mondo, pensate che si trova a 3600 Km ad Ovest dalle coste del Cile e a 2075 Km ad est delle isole Pitcam.

Sull'isola sono presenti quattro vulcani, a testimonianza delle sue origini, infatti il terreno è per lo più formato da uno strato basaltico e la superfice dell'isola è caratterizzata da pochi lembi di spiaggia e ripide scogliere. Annessi al suo territorio anche due piccoli isolotti Motu Nui e Moto Iti, completamente disabitati.

Dove

Scoperta nel 1686 fu esplorata però solo nel giorno di Pasqua del 1722, quando un ammiraglio Olandese, Jacob Roggeveen, decise di esplorare comunque l'isola malgrado l'ostilità degli indigini; questi ultimi del resto erano certi di essere gli unici sopravvissuti al mondo su quella striscia di terra emersa dopo la distruzione universale.

Sono tanti i misteri che avvolgono appena 162 mq di territorio, non è chiaro infatti come sia stato possibile che quest'isola così lontanadal resto del mondo sia stata raggiunta; oltre che sconosciuta la proveninza della popolazione inaspettato è il colore chiaro della sua pelle che lascia presumere paesi di proveninza lontani.

Irrisolto il mistero dei Mohai, le gigantesche statue che campeggiano sull'isola; misterioso è il loro significato, misteriosa la loro datazione, difficile è ripercorrere la loro storia se si considera che per realizzarle è stata senza dubbio necessaria una popolazione la cui evoluzione ha consentito il taglio e la lavorazione della pietra, tante e affascinanti le teorie che avanzano risposte  a questi interrogativi. Oggi sull'isola rimangono circa 600 statue la più piccola di circa 90 cm le più grandi sono alte 20 mt e sono ancora incompiute nelle cave dove vienivano realizzate.

L'isola di Pasqua dunque rappresenta un concentrato di domande e dubbi irrisolti; dalla popolazione alle modalità di vita sull'isola alla sua evoluzione naturalistica se si considera che è una delle isole più povere di specie vegetali nel mondo; si ipotizza che la presenza umana originari abbia radicalmente modificato l'ambiente provocando una sorta di catastrofe ambientale suquesto territorio che appare povero e brullo sia come fauna che come flora. 

Dopo i lavori di ampliamento dell'areoporto dell'isola,  Mataveri, effettuati negli gli anni sessanta gradatamete il flusso turistico ha cominciato ad interessarsi dell'isola di Pasqua, Rapa Nui di rimando si è dotata di numerose infrastrutture, addirittura in numero cospicuo se si considera il flusso turistico comunque facilmentecontrolabile. I voli per l'isola ancora oggi partono quasi esclusivamente da Santiago del Chile e periodicamente da Tahiti.

Visita i Nostri Portali
Siti Dove Compro Passatempi Food
Navigare Facile Meteo Prestiti A portata di Mouse Risultati Calcio